Réseau Entreprendre Lombardia
C/O AC - Avvocati - Commercialisti
Milano 20123
Tél.+39 0287287800
Réseau Entreprendre Lombardia
45.4612, 9.1878
  • Home >
  • Notizie >
  • FABIO TESEI, CERCA L'ETICA E LA “STOFFA”
Torna alle notizie >>

11/10/2016

FABIO TESEI, CERCA L'ETICA E LA “STOFFA”

Approccio etico, innanzitutto, per potersi inserire correttamente in una economia basata sulla condivisione, come quella verso cui va il mondo oggi. E poi “la stoffa”, deve essere da imprenditore, altrimenti “è una persona che ha idee, seppur creative, ma che non diventaranno start up di successo”. Sono queste le prime due caratteristiche a cui bada Fabio Tesei quando incontra aspiranti neo imprenditori per la prima volta. Il business plan è essenziale, certo, ma lo si può fare anche con un aiuto, quello di Réseau Entreprendre Lombardia, ad esempio, in modo che possa diventare una bussola che indica quali passi fare e un biglietto da visita per attrarre investitori.

Associato di Réseau. presidente di Thymos (fondata assieme a Marinella Lattieri), Tesei ha alle spalle 35 anni di carriera, di cui 12 nella finanza: “ho creato e visto start up quando ancora non si chiamavano così” racconta, e ancora oggi non è stanco di vederne e oltre a supportarne creazione e sviluppo per lavoro, ha scelto di farlo anche per REL, in veste diversa. In ottica diversa, soprattutto. “Se un venture capital le considera una occasione per fare soldi, contando che 1 su 10 mediamente ce la fa, in REL si ragiona in modo più etico che capitalistico, si punta e ci si spende, gratuitamente, per ottenere un 10/10”. 

Da associato ascolta gli aspiranti neo imprenditori, “severo sui piani industriali e ben consapevole della scarsa capacità molto italiana di tradurre le idea in numeri credibili per investitori e mercato” e nel frattempo riceve una “ventata fresca di novità ed entusiasmo”. “Mi riempie di pienezza e soddisfazione far parte di Réseau, è anche un modo per restare sempre aggiornato su tutto ciò che, quando ho iniziato io, non esisteva”. Social network e social marketing, gli approcci digitali che oggi si affiancano ai tradizionali con altrettanta credibilità e concretezza, nella soluzione di problemi o nella soddisfazione di attuali bisogni. In soldoni, metaforicamente parlando, visto che vige la gratuità, per Tesei stare in REL significa “imparare da chi ha idee, creare opportunità di lavoro, anche per noi stessi che lavoriamo con le imprese”, e avere una opportunità di provare quella personale e umana soddisfazione legata alla sensazione di star resitutendo ciò che nel passato si ha avuto”.  Restituire, guardando assieme verso l'orizzonte, quello di un nuovo capitalismo basato sul valore condiviso: è la direzione da prendere, dopo il capitalismo frenetico ed egoistico del dopoguerra e la più recente crisi. Ecco perché la forte attenzione all'approccio etico è un requisito essenziale per avere il consenso di Tesei: “una impresa che inquina, che non rispetta l'ambiente, che spreca risorse e non rispetta i propri lavoratori, è destinata a fallire”. 

di Marta Abbà